Il portacolori di ACI Team Italia ha colto un solido settimo posto al termine di una corsa attenta. Il driver romano scatterà dalla prima fila nella Sprint Race di domani. Robert Shwartzman, schierato dal Team Prema, si mantiene al primo posto nella graduatoria di campionato.

 

 

Mogyoród, 3 agosto 2019

 

Nella Race One, che ha aperto il quinto appuntamento stagionale del FIA Formula 3 Championship, il diciottenne portacolori del Team Art Grand Prix Christian Lundgaard ha colto la sua prima vittoria nella categoria.

Dopo essere perfettamente scattato dal vertice dello schieramento di partenza, il pilota danese ha immediatamente conquistato la leadership della corsa, poi mantenuta con grinta fino allo sventolio della bandiera a scacchi.

Lundgaard ha completato una giornata da incorniciare ottenendo anche il giro veloce nel corso dell’ultima tornata. Alle spalle del vincitore hanno chiuso i britannici Max Fewtrell, team mate di Lundgaard, e Jake Hughes. L’esperto pilota britannico della tedesca HWA sul finale di gara ha sopravanzato l’estone Juri Vips. Il pilota di Tallin grazie alla quarta posizione è salito al secondo posto nella graduatoria di campionato.

 

Il portacolori di ACI Team Italia Leonardo Pulcini non ha trovato il miglior bilanciamento sulla pista ungherese, non riuscendo ad andare oltre l’undicesimo tempo nella sessione di qualifica.

Il pilota della Capitale ha compiuto un convincente recupero fino al settimo posto, un risultato che gli consentirà di scattare dalla prima fila sulla griglia di partenza nella manche di domani, prevista alle ore dieci.

Il capoclassifica della graduatoria di campionato Robert Shwartzman ha chiuso al quinto posto, mentre il suo team mate nel Team Prema Jehan Daruvala non è riuscito a conquistare la zona punti. Al vertice della graduatoria di campionato, il teenager di San Pietroburgo mantiene un vantaggio di venti lunghezze nei confronti di Juri Vips. Il terzo pilota del Team Prema, Marcus Armstrong, è ben risalito fino all’ottavo posto.

Non è stata una giornata fortunata per i colori del Team Trident. Pedro Piquet ha accusato problemi ai freni quando era quinto, mentre Niko Kari, a lungo a terzo, è stato costretto a rallentare sul finale. Positiva la prestazione di Devlin Defrancesco, in evidente crescita. Il romano Alessio Deledda ha chiuso in quindicesima posizione.